Fisioterapia Lugano

Orari : Lun. / Ven.: 7.30 / 19 - Sab. su appuntamento
  Tel. : +41786198324

trigger point fisioterapia

Trigger Point

Un Trigger Point (TrP) è un punto iperirritabile, un nodulo palpabile nelle bande tese della fascia dei muscoli scheletrici. La compressione diretta o la contrazione muscolare possono provocare dolorabilità locale, risposta di contrazione locale e dolore che di solito risponde con un pattern di dolore distante dal punto ( dolore riferito) [1] [2] [3] [4]. Il segno di sussulto è la risposta meccanica del trigger e comportamentale caratteristica alla pressione su un TrP. Gli individui sono spesso spaventati dal dolore intenso. Questo segno è stato considerato patognomonico per la presenza di TrPs.

Il dolore riferito, chiamato anche dolore riflessivo, è il dolore percepito in una posizione diversa dal sito dello stimolo doloroso. Il dolore è riproducibile e non segue dermatomi, miotomi o radici nervose. Non c’è gonfiore articolare specifico o deficit neurologici. Il dolore da un TrP miofasciale è un modello o mappa del dolore distinto, discreto e costante in grado di riprodurre i sintomi[5].

I punti trigger si sviluppano nella miofascia, principalmente al centro di un ventre muscolare dove entra la placca motoria (TrPs primaria o centrale) [5]. Questi sono noduli palpabili all’interno del muscolo stretto delle dimensioni di 2-10 mm e possono manifestarsi in punti diversi in qualsiasi muscolo scheletrico del corpo. Abbiamo tutti TrP nel corpo. Può essere presente anche nei neonati e nei bambini, ma la loro presenza non determina necessariamente la formazione della sindrome del dolore. Quando si verifica, i TrP sono direttamente associati alla sindrome del dolore miofasciale , alla disfunzione somatica, ai disturbi psicologici e al limitato funzionamento quotidiano [7][8] . Le Cause possono essere: Invecchiamento, Traumatismo sostenuto da una caduta, da stress o traumi, mancanza di esercizio (comunemente nelle persone sedentarie tra i 27,5-55 anni) [9], cattiva postura o posizioni mantenute , sovraccarico dei muscoli e movimenti ripetitivi, micro-traumi (sollevamento di pesi eccessivi, Condizione di stress cronico) ansia, depressione, trauma da stress psicologico, Carenze vitaminiche – vitamina C, D, B; acido folico; ferro; disturbi del sonno, problemi articolari.

Classificazione dei TrPs

I TrPts possono essere suddivisi in diversi gruppi [5]
Punti trigger primari, centrali e secondari, satellitari

I TrP primari o centrali sono quelli che causano un forte dolore localmente alla pressione con irradiazione secondo la mappa del dolore riferita. Di solito sono localizzati attorno al centro di un ventre muscolare. I TrP secondari o satellitari sorgono in risposta ai punti trigger centrali esistenti nei muscoli circostanti. Di solito si ritirano spontaneamente quando il TrP centrale è guarito. Possono essere presente sotto forma di grappolo

  1. Simons DG, Travell JG, Simons LS. Travell & Simons’ myofascial pain and dysfunction: upper half of body. Lippincott Williams & Wilkins; 1999.[1][2]
  2. Alvarez DJ, Rockwell PG. Trigger points: diagnosis and management. American family physician. 2002 Feb 15;65(4):653-62.[3]
  3. Davidoff RA. Trigger points and myofascial pain: toward understanding how they affect headaches. Cephalalgia. 1998 Sep 1;18(7):436-48.[4]
  4. Eduardo Vázquez Delgad, et al. Myofascial pain syndrome associated with trigger points: A literature review. (I): Epidemiology, clinical treatment and etiopathogeny Med Oral Patol Oral Cir Bucal. 2009 Oct 1;14 (10):494-498.[5]
  5. Niel-Asher S. The concise book of trigger points: a professional and self-help manual. North Atlantic Books; 2014.[6]
  6. Ray BS, Wolff HG. Experimental studies on headache: pain-sensitive structures of the head and their significance in headache. Archives of Surgery. 1940 Oct 1;41(4):813-56.[7]
  7. Simons DG, Travell JG, Simons LS. Travell & Simons’ myofascial pain and dysfunction: upper half of body. Lippincott Williams & Wilkins; 1999.[8]
  8. Jantos MA. Understanding chronic pelvic pain. Pelviperineology. 2007;26(2):66-9.[9]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.